Previmoda è

il Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per i lavoratori dell’industria tessile-abbigliamento, delle calzature e degli altri settori industriali del sistema moda.
Previmoda ha l’obiettivo di costruire una posizione previdenziale volta ad integrare la pensione pubblica erogata dall’Inps. Infatti, a partire dagli anni ’90 il sistema pensionistico italiano ha subito profonde modifiche. Tutte le riforme pensionistiche che si sono succedute hanno fatto sì che le nuove pensioni saranno nel tempo di importi sempre più bassi rispetto a quelle riscosse finora. Questa è la ragione per cui è importante costruirsi per tempo un risparmio previdenziale da aggiungere alla pensione dell’Inps e assicurarsi così un futuro più sereno.

Previmoda nasce nel luglio del 1998 a seguito degli accordi tra le organizzazioni di categoria delle imprese e dei lavoratori e rappresenta un’opportunità previdenziale per tutti i lavoratori dei settori:

  • del tessile-abbigliamento,
  • delle calzature,
  • degli occhiali,
  • della lavorazione pelle-cuoio,
  • dei giocattoli,
  • delle penne,
  • delle spazzole-pennelli-scope,
  • delle lavanderie industriali,
  • degli ombrelli,
  • dei retifici meccanici da pesca.

Le caratteristiche

  • È un fondo pensione complementare con l’obiettivo di costruire una posizione previdenziale volta ad integrare la pensione pubblica erogata dall’Inps.
  • È a capitalizzazione individuale: i contributi versati affluiscono in apposito ‘conto individuale’ e vengono investiti sui mercati finanziari, generando dei rendimenti in base alla linea d’investimento scelta. I rendimenti vanno ad aggiungersi ai contributi versati, aumentando così il valore economico di quanto accumulato.
  • È a contribuzione definita: l’ammontare della posizione individuale dipende dall’importo dei contributi versati, dal periodo di permanenza nel fondo e dai rendimenti ottenuti; la prestazione finale dipende dalla somma di tutti questi importi.
  • È un’associazione riconosciuta senza scopo di lucro (no profit), per cui non vi è l’interesse ad addebitare spese al di fuori di quelle necessarie per la corretta gestione del fondo.
  • È paritetico: gli organi sociali del fondo hanno una composizione paritetica; l’assemblea, il Consiglio di amministrazione e il Collegio dei sindaci sono costituiti per metà da rappresentanti dei lavoratori e per metà da rappresentanti delle imprese.